L’Avvocato Dino Crivellari sulla riforma del MES.

La testata on line euronews.com affronta l’argomento della riforma del MES in un lungo articolo con una interessante intervista all’Avvocato Dino Crivellari.

Bruxelles all’ascolto dell’Italia? Prove di equilibrismo europeo

Dall’Eurogruppo di mercoledì almeno una buona notizia è uscita: il completamento della riforma del Mes, il fondo salva-Stati, prevista entro la fine dell’anno, slitta al prossimo gennaio. Se tutto va bene. E questo è un fatto.

Probabilmente la posizione dell’Italia è stata presa in considerazione. Anche se l’apertura sia dovuta dovuta più a motivi tecnici che a una reale presa in considerazione delle richieste italiane.

… … …

La discussione sull’Edis, “non sarà facile, ha mostrato le differenze tra i Paesi”, ma “è un inizio, ed è rilevante che queste porte che sembravano chiuse un paio di anni fa ora sono state riaperte”, così Paolo Gentiloni.

La cosa strana, dice a euronews Dino Crivellari, è perché si sia sentito il bisogno di metter insieme alla riforma del Mes tutta questo lavoro che riguarda il Fondo di risoluzione unico e quindi il salvataggio delle banche. Evidentemente c’è una preoccupazione seria su questo settore”.

Ma Crivellari non dice solo questo, clicca il video.

Per Crivellari la vulgata italiana secondo cui alcuni punti della riforma del Mes sono studiati a tavolino per salvare le banche tedesche è falsa: “Penso che queste ultime siano forti abbastanza per reagire a eventuali choc finanziari. Ritengo invece che le misure previste per il Fondo unico di risoluzione siano state pensate per le banche del sud europa”.

Vi ricordate cosa prevede la riforma del Meccanismo salva-Stati?

Per Crivellari la vulgata italiana secondo cui alcuni punti della riforma del Mes sono studiati a tavolino per salvare le banche tedesche è falsa: “Penso che queste ultime siano forti abbastanza per reagire a eventuali choc finanziari. Ritengo invece che le misure previste per il Fondo unico di risoluzione siano state pensate per le banche del sud europa”.

 

Continua a leggere l’articolo con gli altri video dell’intervista

 

Scroll to top